Teoria musicale generale e dell’armonia

Aloha Forum Piazza Italia Teoria musicale generale e dell’armonia

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 33 totali)
  • Autore
    Post
  • #13644
    gattina76
    Membro

    Salve a tutti! Ho aperto questo argomento per dare la possibilità a chi ci sa fare, gli insegnanti del sito, di insegnare a noi neofiti qualcosa di utile riguardante la teoria musicale generale e magari in particolare dell'armonia (quest'ultimo argomento lo propongo perchè personalmente mi interessa molto). Chi si fa avanti? Su, coraggio! Siamo ansiosi di imparare!!! (Almeno io lo sono!) tongue

    #17407
    Anonimo
    Ospite

    questo si che è lo spirito giusto…

    #17414
    federica
    Membro

    anche a me interessa molto!!!

    #17415
    Anonimo
    Ospite

    Io ho trovato questo link, provate a dare un'occhiata.

    Io non ho avuto tempo di approfondire se è roba troppo tecnica/difficile oppure fruibile anche pre principianti.

    laugh

    #17416
    kekko75
    Membro

    mah…bisognerebbe chiedere a jon in maniera dettagliata…per quel poco che faccio di armonia…io intendo conoscenza di:

    teorie della musica, conoscere come si formano accordi e perchè, scale, come si creano gli accordi in una determinata tonalità, se sono maggiori o minori, ecc… TUTTE COSE INTERESSANTI E UTILI !!!

    #17417
    guido
    Membro

    Grazie per il link ombracorta laugh

     

    Anche a me interessa l' argomento, perchè non si trova molto materiale gratuito nel web. Penso già di comprarmi qualche libro (tedesco) sul tema… A me personalmente interessa quali accordi vanno bene insieme in una certa tonalità? Se per sempio ho una sequenza di quattro accordi su quattro misure, come farci 16 accordi su 4 misure, per renderlo più interessante?

     

    Saluti

    #17418
    Anonimo
    Ospite

    Io quello che so di armonia l'ho appreso da questo ebook intitolato how to play ukulele chords in progression, scritto dal papà del sito Ukulelehunt. Me lo sono letto quest'estate e devo dire che non è male sono 50 pagine scritte semplici e si rivolgono proprio a persone a digiuno di teoria musicale. L'unico ostacolo è che è scritto in inglese.

     

    Per me l'utilità maggiore non è tanto in fase compositiva, laddove vado ancora ad istinto e ad orecchio, quanto per memorizzare le sequenze e trovare maggiore facilità nel trasporle.

    #17420
    Ross
    Membro

    ho scaricato il book free non maleembarassed

    #17421
    magomacco
    Membro

    Per chi avesse problemi con l’inglese mi accingo a illustrare le basi.
    Parto con la premessa ke l’obiettivo ultimo è comprendere gli accordi in tutti i loro rivolti e le loro forme. Se avete esigenze più specifiche il discorso si allungherebbe di tanto (3 anni di armonia sono difficili da riassumere in un forum) e allora vi consiglio di andare in un negozio di musica e acquistare un buon libro di teoria.

    Altra premessa: i Diesis, contrassegnati dal simbolo #, sono note aumentate di mezzo tono
    i Bemolle, contrassegnati dal simbolo b, sono note diminuite di mezzo tono
    Che significa?
    Immaginate la tastiera di un pianoforte, i tasti neri possono essere chiamati diesis o bemolle a seconda della tonalità: es. il tasto nero tra il Do e il Re può essere chiamato Do# (quindi è un Do aumentato di mezzo tono) oppure Reb (quindi un Re diminuito di mezzotono)
    Effettivamente sono la stessa nota ma per praticità tecnica, in base alla scala si sceglie di utilizzare il termine bemolle o diesis.
    Ma noi utilizzeremo quello ke ci fa più comodo!!!

    Tutto inizia dalla SCALA
    I gradi della scala possono essere nominati per numero (prima, seconda, terza, quarta, quinta, sesta, settima, ottava)
    oppure per nome: tonica (perché dà il tono), sopratonica, mediante o modale (perché è in mezzo e perché dà il modo, ovvero maggiore o minore ma ci arriveremo dopo), sottodominante, dominante, sopradominante, sensibile.
    Esistono molti tipi di scale, ma per l’obiettivo ke mi sono posto è doveroso elencarne 2:
    – scala maggiore
    – scala minore
    Per ora parleremo della MAGGIORE
    Gli intervalli da rispettare sono i seguenti: (partendo da qualsiasi nota che chiameremo 1) 2tono, 3tono, 4semitono, 5tono, 6tono, 7tono, 8semitono
    Detto questo, partendo da qualunque nota ne ricaveremo una scala maggiore.
    La più semplice è la scala di Do maggiore perché non ha tasti neri sul pianoforte, infatti tutti gli intervalli sono “naturali”
    es. 1do, 2re, 3mi, 4fa, 5sol, 6la, 7si, 8do <<


    se avete la fortuna di avere, conoscere un pianoforte potete vedere che tra il mi e il fa non vi sono tasti neri e neppure tra il si e il do. Quindi abbiamo rispettato gli intervalli detti sopra
    Altro esempio, la scala di LA maggiore:
    partiamo dal La(1), poi aggiungiamo un tono e abbiamo il Si(2), più un tono abbiamo un Do#(3) (infatti tra un Si e un Do c'è un solo semitono, dato che a noi serve un tono tutto intero dobbiamo superare il Do e prenderci il Do#), ora dobbiamo aggiungere un semitono e quindi otterremo un Re(4), aggiungiamo un tono Mi(5), altro tono Fa#(6) (stesso discorso fatto sopra col Do#), altro tono Sol#(7) e con un semitono arriviamo al La(8) <<


    è per questo che si chiama OTTAVA sopra, perché tra un La e un La della scala successiva ci sono 8 gradi della scala

    Vi assicuro che vi ho semplificato il più possibile, ora datemi un riscontro, così che, se avete capito posso proseguire

    #17423
    Ross
    Membro

    è tutto ok fino al primo esempio sul Do maggiore è tutto chiaro e già ti ringrazio della pazienza ma visivamente se io devo vedere la scala in Do maggiore su un pianoforte dov'è? parti dal Do centrale? scusami ancora ma io non ho basi e parto dall'esperienza

    #17425
    magomacco
    Membro

    Parto da qualunque Do tu desideri, è uguale solo ke una ti esce più acuta e una più grave ma ai fini teorici, per capire la struttura, è assolutamente indifferente

    #17426
    Ross
    Membro

    quindi se io suono se su un piano io  do re mi fa sol la si do che sia sulle terze quarte o quinte ho fatto una scala in Do maggiore ok

    ora digerisco il restoembarassed

    #17427
    magomacco
    Membro

    Forse con questo vi sarà tutto più semplice!

     

    SCALA DI DOmaggiore

    SCALA DI LAmaggiore

     

    #17428
    Anonimo
    Ospite

    io ricordo alcune cose di quando moltissimi anni fa ho fatto teoria e solfeggio per il piano, ma andrebbe rispolverata di parecchio, è tutto molto sbiadito. Grazie MM 🙂

    #17429
    magomacco
    Membro

    sarebbe l’ideale se qualche admin rinomini questo topic “scala maggiore”
    quando avrò chiarito tutte le vostre perplessità creerò un altro topic intitolato “accordi maggiori”
    poi si passa tutto al minore

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 33 totali)
  • Il forum ‘Piazza Italia’ è chiuso a nuovi topic e risposte.
Informativa abbastanza ridicola che per legge va messa su ogni sito internet EU. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.