e così voglio spostarmi sull’elettrico… (so, i want to go electric…)

Aloha Forum Uke 360° e così voglio spostarmi sull’elettrico… (so, i want to go electric…)

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 35 totali)
  • Autore
    Post
  • #24604

    bella lì!

     

    sono appunto elettrici, il sound di un amplificato non sarà mai quello

    #24607
    Stonehand
    Membro

    La differenza sostanziale tra uno strumento solid body ed uno acustico amplificato è la soppressione del feedback, che a volte è un problema davvero noioso. Per il resto sia l'undersaddle che il pick-up magnetico sono dispositivi piuttosto semplici o rudimentali, se vogliamo, quello che li differenzia maggiormente è il tipo di corda che li mette in funzione che, nel caso del pick-up deve essere necessariamente metallica. Le chitarre elettriche usano i pickup e forse per questo tendiamo ad identificare quel tipo di suono come “elettrico”. Ma lo è anche l'altro, con i veri tipi di trasduttore ed i microfoni, solo differente. Valerio che è del mestiere può spiegare questo assai meglio di me.wink

     

    Ma viviamo in un mondo ultratecnologico ove tutto è possibile ed esistono scatole, scatoline, scatoloni e pedali che sono di bocca buona ed accettano qualunque tipo di segnale proveniente da qualunque tipo di strumento, per trasformarlo in qualunque cosa. E se i soldi sembran troppi basta comprarsi un amplificatorino Roland Micro Cube oppure un Vox DA5 per suonare gli Iron Maiden con un banjolele amplificato senza che si noti alcuna differenza da una Fender Stratocaster. sticazzi

    #24608
    Anonimo
    Ospite

    stonehand ha scritto:

     E se i soldi sembran troppi basta comprarsi un amplificatorino Roland Micro Cube oppure un Vox DA5 per suonare gli Iron Maiden con un banjolele amplificato senza che si noti alcuna differenza da una Fender Stratocaster. sticazzi

    Improvvisamente mi è venuta in mente un'ideaccia per il mio banjolele amplificato ahahah

    #24610
    vitt
    Membro

    Roland Micro Cube oppure un Vox DA5: ma tra i due cosa consigliate?

    #24611
    Anonimo
    Ospite

    Dici bene Stone, secondo me ci sono altre differenze però….parlo proprio del segnare che da in uscita un pickup magnetico (quello delle chitarre elettriche) e quello dei piezo, i due segnali son proprio differenti! Del mestiere non sono proprio perchè di elettrificazione o di pickup ci capisco ben poco, ma traslando il discorso su gli amplificatori, posso dire una mia esperienza…

    Prima avevo un amplificatore a transistor (come il microcube), avevo mille suoni potevo avere un distorto a volumi bassissimi…tutti suoni interessanti ma “troppo moderni e un pò sterili…

    In seguito ho comprato un Vox AC4TV cioè un valvolare da 4 Watt. ho finalmente trovato un distorto GRASSO come piace a me, un sound vero, non creato…. laugh

    #24617
    Anonimo
    Ospite

    as stated in the title: this is an ENGLISH room.

    for italian discussions post on the appropriate board.

    topic moved (and re-titled) in the italian section. feel free to re-open it here.

     

    come da titolo: stanza dedicata a discussioni IN INGLESE.

    per le discussioni in lingua italiana postate sulla stanza apposita.

    topic spostato (e rinominato) nella sezione italiana. calcatreppola, se vuoi puoi riaprirne un altro qui sempre in inglese. 

    #24618
    Stonehand
    Membro

    Io ho una piccola collezione di amplificatori (AAS Amplifier Aquisition Syndrome) che va dal Mesa Boogie valvolare 22 watt al Marshall MS-2 a 2 watt e devo dire che il suono più splendido me lo da' il Cube 20 Roland dei primi anni '80, credo fosse addirittura la prima serie. Un transistor puro che neppure adopera la tecnologia mosfet. Un suono così caldo e cremoso (come dicono i fabbricanti di amplificatori “boutique”) che neppure il Mesa Boogie è mai riuscito a raggiungere.sticazzi

     

    Per quanto riguarda gli amplificatori a valvole molto dipende proprio dalle valvole che ci metti su, io feci esperimenti con valvole russe, yugoslave e anche americane non sviluppate per il mercato musicale ed i risultati furono interessanti, nel senso che alcuni suoni erano davvero spaventosi, altri molto alla New Trolls dei primi tempi quindi, Valerio, se vuoi conservare il suono del VOX AC4TV è meglio che prendi nota della marca di valvole che usa e ti cominci ad informare sui vari rivenditori. Un giorno forse scriverò qualcosa sulle valvole, ma solo quando troverò una adeguata sistemazione all'amplificatore nel mio studio, che ora come ora sembra un negozio del Gran Bazaar senza più neppure un centimetro libero.

     


    @vitt

    Il Micro Cube costa un po' meno ed è un po' meno versatile del DA5, in compenso è velocissimo da usare, il VOX DA5 è più versatile, ma un po' meno intuitivo. Sul mio sito c'è una recensione del DA5, sarebbe interessante se chi possiede un Micro Cube (Ombra?) ne dicesse qualcosa qui o scrivesse una bella recensione da me.

    #24621

    lieto di esser stato utile e preso come esempio da non imitare!!

     

    io uso l'elettronica in maniera piuttosto ignorante, però ha ragione il Penna quando parla della distorsione applicata al piezo (o peggio, come nel mio caso, a corde in nylon amplificate con un piezoelettrico). Gli effetti in commercio, di solito son pensati per chitarra elettrica, ed effettivamente sull'ukulele dan problemini notevoli di fruscio. In più il volume che arriva dal piezo è più alto del volume di un pick up elettrico (almeno con i piezo attivi): altri problemi. Però c'è da divertirsi lo stesso.

    Dal vivo io uso un amplificatore Vox Pathfinder, un ampli a transistor da 15 watt, privo di effetti digitali. Ha però un bel tremolo (un tipico effetto anni '50 che abbassa e alza il volume ritmicamente, si può controllarne la velocità e l'ampiezza di variazione di volume, creando un suono 'tremolante', per l'appunto) e un riverbero a molla. Come effetti esterni uso un equalizzatore grafico della mxr, che mi serve soprattutto per alzare un poco il volume in alcuni punti e rendere il suono più graffiante; un overdrive per basso della Boss (un distorsore abbastanza acido); un delay analogico Memory Man (un effetto per eco a pedale piuttosto ricercato dai chitarristi, dal suono caldo, ma raro in quanto fuori produzione perché pare che contenga componentistica non a norma, quindi pericoloso! Che bbello! E' un effetto che uso anche con la tromba, sia dal vivo che in studio, che crea una pasta di suono granulosa e particolarissima).

     

    adesso che ho sfogato la mia anima nerd torno a guardare Xena.

    #24630
    Stonehand
    Membro

    Sai che con la frase “un tipico effetto anni '50” mi hai un po' spiazzato, io ero convinto che fosse un tipico effetto anni '60, il tremolo.

     

    Io, vista l'etàbrb, se attacco qualcosa all'amplificatore devo avere un wah sotto i piedi e possibilmente un tremolo+vibrato. Il wah è un ibanez WH10 originale (non la riedizione) mentre l'altro è il Marshall VT-1 che, entrambi, devo ammettere, rendono di più con una Gibson che con l'Eleuke, ma sai com'è….l'autowah non lo disprezzo, come molti puristi, a volte è davvero utile.

    Altro effetto estremamente interessante, sempre considerata l'etàhand, è il rotary, mentre non uso mail il chorus…

    #24636
    Ross
    Membro

    per la mia gioia e quella di calca un articolino esplicativo anche bello tecnico sugli effetti  le valvole…….e gli ampli è il benvenuto l'argomento mi intriga

    #24641
    Ross
    Membro
    #24644
    marsalis
    Membro

    anch'io avevo il Mesa Boogie 22+… che bei ricordi…

    #24645

    lui usa gli effetti su un microfono, cosa piuttosto faticosa e rischiosa da fare. Gli effetti lavorano molto meglio se la sorgente sonora è un pick up.

    #24647
    Ross
    Membro

    @Rico ma la cosa mi intriga per provare in casa con qualcosa di prestato interessante

    #24650

    prova col mandobird, che lì funziona di brutto!

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 35 totali)
  • Il forum ‘Uke 360°’ è chiuso a nuovi topic e risposte.
Informativa abbastanza ridicola che per legge va messa su ogni sito internet EU. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.