Re:Uke Republic

Aloha Forum Uke 360° Uke Republic Re:Uke Republic

#36424
JoMas
Membro

Eccomi qua. Sono stato oggi da Mike, di Uke Republic, nei sobborghi di Atlanta.
Uke Republic è un piccolo negozio in un vecchio edificio (vecchio per gli standard americani, circa anni 30 mi hanno detto) che una volta era una fabbrica tessile. Oggi ci sono in gran parte uffici e, per l’appunto, Mike e i suoi ukulele.
Mike è fantastico. Simpatico, gentile, competente, chiaramente appassionato. Quando gli ho detto che ero italiano (vero, dall’Italia, non da Brooklyn ..) mi ha aperto un gran sorriso, e mi ha detto che ha avuto clienti da diversi paesi europei, ma mai dall’Italia. Sono stato il primo. Yay!! Mike mi ha fatto provare strumenti per oltre un’ora, mi ha raccontato un sacco di cose, tra cui il fatto che ha un suo marchio di ukulele (sailor, se non ricordo male), che fa produrre da terzi ovviamente, e devo dire che sono belli e suonano veramente bene. Insomma Mike è un grande, e se capitate da queste parti vi consiglio veramente di andarlo a trovare.
Detto questo, ho preso, come volevo un soprano. Avevo un budget di 300 euri circa, che grazie al cambio euro-dollaro favorevole, consentono di arrivare a strumenti fino a 400 dollari circa. Comprare oggi negli USA è un discreto divertimento … avevo voglia dell’Ohana SK-38, ma Mike non l’aveva in stock (e ho guardato in giro su web, pare che al momento l’abbiano in pochi). Ho provato il CK-38 (cioè il concert della stessa linea) e suona benissimo, veramente. Sono stato tentato di comprarlo. Ma mi sono imposto di prendere un soprano, che non ho mai avuto, per cui ho resistito. Tra i soprano, ne ho provato diversi, e devo dire che Mike ha una bella selezione, nel senso che non ha moltissimi strumenti, il negozio è piccolo come dicevo, ma tutti strumenti di qualità e interessanti. Ho provato un bellssimo Kelii in mogano e koa, un Pono in mogano massello, un LoPrinzi (che non conoscevo) di cui Mike parla benissimo e devo dire che suona molto, molto, molto bene -, un sorprendente (e stupendo) aNueNue in koa, l’Ohana sk-28, bello anche lui, e un esteticamente bellissimo Ohana in cedro. Me ne dimentico diversi, sicuramente. Alla fine ho scelto …. il piu anonimo di tutti dal punto di vista estetico ma, secondo me, il chiaro vincitore in termini di suono – per lo meno il suono che cercavo io, cioè morbido, caldo, hawaiano classico. Cioè il Pono. Alla fine ero arrivato alla scelta tra il Pono e il Kelii, quest’ultimo molto piu bello esteticamente, per tante ragioni. Ma il Pono suona, secondo me, veramente benissimo, come nessun’altro che abbia potuto provare oggi. Il Kelii ha un bellissimo suono, cristallino, ma non così rotondo e caldo come lo volevo io. In effetti mi sono sorpreso per la grande differenza tra strumenti, pensavo che i soprano suonassero tutti in modo abbastanza simile, o per lo meno piu dei tenori. Sbagliatissimo. Ogni strumento è veramente diverso, anche tra i soprano. Il suono del Pono mi ha fatto innamorare subito, e la differenza con gli altri (anche quelli di prezzo superirore) era chiarissima. Naturalmente è anche questione di gusti e di cosa uno cerca. Ho comprato con le orecchie e con il cuore, non con l’occhio. Esteticamente, come dicevo, il Pono è veramente anonimo. Ma alla fine devo suonarlo, mica dipingerlo, per cui … è andata così. Peccato non aver potuto provare il Kiwaya, che Mike non ha in stock al momento. Secondo Mike, i Kiwaya sono veramente eccellenti, ma costano troppo rispetto ad altri (appunto il Pono e il Kelii), nel senso che sono strumenti dello stesso livello ma che costano quasi il doppio, una differenza che secondo lui non è giustificata.
Tutto qui. Un bel pomeriggio, un bell’incontro, un bello strumento.
Appena torno a casa registro qualcosa e vi faccio sentire.
Aloha dagli States!!

Informativa abbastanza ridicola che per legge va messa su ogni sito internet EU. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.